Recensioni
Miguel Ángel Martín – Bitch (Purple Press, 2008)

Thursday 08 May 2008


Tra i tanti albi di cui ho provveduto a procurarmi copia durante i quattro giorni del Comicon, un posto d’onore spetta senz’altro a Bitch, il nuovo volumone a fumetti del sommo Miguel Ángel Martín, edito nella collana Radical Chick della Purple Press. Ora, sul fatto che il disegnatore iberico – che ho avuto finalmente l’occasione di conoscere di persona – abbia fatto scuola e/o sia ormai un classico, non ci piove ormai da molti anni (dieci? Undici? Dodici?). Quello che stupisce, invece, è che il raccolto non ne risenta. Chi ricorda Martín per le atmosfere futuristico-orrorifiche di “Brian The Brain” o per gli strombazzati casini giudiziari di “Psychopatia Sexualis”, rimarrà qui doppiamente spiazzato. Il più freddo straniamento, tecnica storicamente prediletta dal nostro sia sul piano grafico che su quello narrativo, permane, ma in un universo molto meno futuribile di quelli a cui i suoi lettori sono generalmente abituati. Case occupate, writers, minoranze etniche, rave, neonazismo, brutalità poliziesca, cellule terroristiche, diversità sessuale, guerre economiche, reality show, ricchi che nascondono il proprio status sociale dietro una patina di ribellione retrattile e ritrattabile all’occorrenza. Non so voi, ma a me sembra di aver già visto tutto…
Bitch, la giovane graffitista che funge da protagonista e insieme da chiave di raccordo per tutti gli episodi illustrati, è – un po’ come Brian – lo spettatore adolescente, impotente e (potenzialmente) innocente di un tessuto umano e sociale in rovina, in cui il tormentarsi di interrogativi o cercare di fare del proprio meglio per cambiare anche una sola goccia nel l’oceano si riduce necessariamente a una battaglia donchisciottesca contro i mulini a vento.

Martín è come sempre apocalittico, ma stavolta non abbastanza da garantire il necessario diaframma tra la coscienza individuale del lettore e la violenza dell’opera. Senza anticipare ulteriormente dati e dettagli sulla trama (non mancano colpi di scena e ribaltamenti di ogni sorta), consiglio il reperimento e la fruizione immediata, per il bene della vostra collezione di fumetto d’autore.

La mia copia è autografata perché sono arrivato prima di voi. Con un po’ di curiosità in più mi avreste fregato.

Miguel Ángel Martín – Bitch, Purple Press, 2008, pp. 128, € 16.

[Simone]



Per ordinare il libro, scrivete a: info@purplepress.it
www.purplepress.it



Questo articolo proviene da:
http://www.lamette.it

L'URL per questa news è:
http://www.lamette.it/modules.php?name=Live_News&func=LiveNewsView&nid=1619