Recensioni
Sangue HC – Macerie (Dying D.I.Y., Double Cube, 2009)

Thursday 10 December 2009


Un disco dall’estetica decisamente D.I.Y. per i Sangue HC. E ancora un gruppo che propone – con mio sommo piacere – un hardcore a cavallo tra i due decenni (’80 e ’90): tupa tupa continuo (o al massimo 4/4 accelerato) su testi libertari, introspettivi e non, vomitati alla velocità della luce. Il modello base mi sembrano i Sottopressione, ma anche qualche skate band nostrana più antica (High Circle, per esempio). Il risultato è più che gradito ai miei antiquati padiglioni, che vogliono solo attitudine, sudore e chitarre che rollano riff a vuoto in attesa di sfuriate apocalittiche.
10 pezzi 10, di immutata qualità, per un disco organico e violento, di breve durata per questioni di default. Non mancano la tirata d’obbligo antifreak (“Rastacredine”) e la canzone-manifesto (“Sangue e hardcore”). Piena fiducia e credibilità alla band di Gorizia (città che da sempre si è rivelata un buon calderone), al suo primo lavoro lungo dopo un demo di 5 pezzi (“Contro di te”, 2007) che pure aveva riscosso buoni consensi in giro.

Pollice in alto e continuate così.
Consigliato.

[Simone]

Per contatti, o per avere il cd: www.myspace.com/sanguehc




Questo articolo proviene da:
http://www.lamette.it

L'URL per questa news è:
http://www.lamette.it/modules.php?name=Live_News&func=LiveNewsView&nid=1845