Recensioni
The Doggs – Black love mcd (Autoprodotto, 2011)

Friday 09 September 2011


Marca Stooges, epoca “Fun house”, sax e wah wah inclusi. Già visti su questi schermi con il precedente EP omonimo, e subito stimati per l’inconfondibilità del sound. Black love – considerati i soli tre anni di attività dell’acido trio meneghino – rappresenta sicuramente un grosso passo avanti a livello di songwriting. Atmosfere sudate e malaticce (vedi su tutte il blues difettivo in crescendo rossiniano di “Dead city bleeds”), una gran voce, osterberghizzazione o meno, e la mia assoluta benedizione.
5 pezzi potrebbero spesso non bastare a rendere un disco appetibile, ma non è questo il caso. I Doggs puntano sul poco ma buono, concentrando il loro meglio in un EP siglato da un primo piano in copertina che cita in chiave pop art/punk “L’origine del mondo” del buon vecchio Courbet.

In chiusura, una cover stravolta ma non troppo di “Venus in furs” dei primi Velvets, a ribadire con precisione che non c’è da equivocare e cazzeggiare sulle roots. Li amo di un amore nero e li vorrei nel mio locale.

[Simone]

Per contatti, o per avere il cd: www.thedoggs69.com




Questo articolo proviene da:
http://www.lamette.it

L'URL per questa news è:
http://www.lamette.it/modules.php?name=Live_News&func=LiveNewsView&nid=2056