Recensioni
Idol Lips – Scene repulisti Lp (White Zoo Records, 2011)

Thursday 03 November 2011


Gli Idol Lips non dovrebbero aver bisogno di troppe presentazioni, ma è giusto che proceda comunque per chi non segue troppo le vicissitudini del punk ’77 italiano. Sono di Ceccano (FR), sono in attività da un bel pezzo, hanno all’attivo un primo Lp a nome “Too much for the city” prodotto da Alex “Dissuader” Vargiu (Bingo, Bloody Riot, Dissuaders, Stigma e chi più ne ha più ne metta) e dei concerti decisamente importanti (su tutti e tutto, voglio ricordare che hanno fatto da spalla a Cheetah Chrome). Insomma, una reputazione di tutto rispetto di cui sono grandemente all’altezza. Tanto per cominciare, Scene repulisti è il più bel titolo che mi capiti di leggere sulla front cover di un disco da anni a questa parte, anche perché presuppone un circuito che vada in qualche modo ripulito. Da chi? A me personalmente potrebbero bastare le bands che difettano in attitudine e i ragazzini che comprano solo gadgets…
10 pezzi 10, belli sparati e molto ma molto newyorkesi come tiro: riff assassini, rock’n’roll intrinseco e refrain da cantare a squarciagola (vedi “Don’t want you around”, degna di Dee Dee King in persona, e più in generale, aleggia ovunque lo spirito suo e degli Heartbreakers). Vanno giustamente in parallelo con le buone vecchie maniere di Giuda, Silver Cocks e Transex, anche loro nella scuderia di White Zoo. La hit del disco per il sottoscritto è “Desperate”, e non ammetto repliche in tal senso.

Un must, dunque? Affermativo, signori. What are you waiting for?

[Simone]

Per contatti, o per avere il disco: www.whitezoorecords.com




Questo articolo proviene da:
http://www.lamette.it

L'URL per questa news è:
http://www.lamette.it/modules.php?name=Live_News&func=LiveNewsView&nid=2070