Recensioni
The Strange Flowers – The grace of losers cd (Autoprodotto, 2011)

Wednesday 08 February 2012


A chi è appassionato della scena psychedelic garage rock italiana, il nome degli Strange Flowers suonerà interessante e soprattutto consumato: fondato a Pisa nel 1987, il combo ha pubblicato, con il presente The grace of losers, ben sei album supportati da live acts in tutta Europa, dividendo il palco con classici del calibro di Electric Prunes, Fuzztones, Prime Movers. Tornano alla ribalta dopo tre decadi e svariati cambi di line-up, con un disco dal sapore fortemente british che riflette come uno specchio (di quelli da Luna Park, naturalmente) l’attitudine e l’esperienza accumulata sul campo. A cavallo tra il pop, i vecchi nuggets e Syd Barrett, per un coacervo italico meno acido ed intransigente rispetto ad altre realtà in qualche modo parallele (Effervescent Elephants, tanto per citare la più nota), ma decisamente più rock.
9 pezzi 9, tutti originali, per una scaletta che non fa una piega dal primo all’ultimo minuto d’ascolto, tanto che non mi sento di consigliarvi una canzone in particolare (o forse, magari, “Sadie Maggie”, che sa un po’ di Iggy solo). Per essere più specifici, vi direi che “The grace of losers” è uno di quei lavori che secondo il sottoscritto non hanno bisogno di un secondo e un terzo giro nel lettore per essere compresi appieno in tutte le loro sfaccettature: come dire, colpito e affondato al primo ascolto.

Procurate senza remore.

[Simone]

Per contatti, o per avere il cd: www.strangeflowers.net




Questo articolo proviene da:
http://www.lamette.it

L'URL per questa news è:
http://www.lamette.it/modules.php?name=Live_News&func=LiveNewsView&nid=2107