Recensioni
14 Steps Down – Something you can't hide (Vacation House/Soulcraft, 2003)

Friday 21 November 2003


Esistono ancora gruppi italiani valevoli che suonano hardcore melodico? Certo, e ce lo dimostrano subito i nordici 14 Steps Down, una delle migliori bčnds italiane del genere che ho ascoltato ultimamente. I loro brani contengono ritmiche melodiche e allo stesso tempo rabbiose, accompagnate da una batteria a incudine e da ottimi cori old-school style.
Sono paragonabili, secondo me, a buone bčnds come Good Riddance, Pennywise, Swingin' Utters e magari anche i Bad Religion dei vecchi tempi.
Insomma, per farvela breve, undici brani di puro skate-core vecchia scuola eseguiti con grande maestria, nei quali si nota, tra l'altro, l'amore comune dei membri della bčnd per il genere da loro proposto. Pezzi come “Just a dreamer”, ”Am I the enemy?”, ”Silent life” e “A moment of anger” mi invitano a gettarmi volentieri da un palco dritto nel pit, oppure a prendere la tavola da skate e ad andarmi a spezzare le gambe ad alta velocitŕ sui gradini.

Quindi, a tutti voi malati del punk-hardcore melodico, consiglio spassionatamente l'acqisto di questo cd, cosě magari la smettete pure di angosciarvi acquistando e supportando gruppi di merda tipo gli Offspring... supportate la scena italiana dio Cane!!!

[Ermete]

Per contatti, o per avere il cd: vacationhouse@tin.it




Questo articolo proviene da:
http://www.lamette.it

L'URL per questa news č:
http://www.lamette.it/modules.php?name=Live_News&func=LiveNewsView&nid=658