Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012) (1)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: The Pale Flowers - The Pale Flowers cd (Autoprodotto, 2013) di: Randy
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: Eyalz
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: clickme
Re: Amelie Tritesse/Tre Tigri Contro split 7” (Autoprodotto, 2013) di: clickme
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Recensioni Tuesday 11 July 2006:
Alda Teodorani - Bloody rainbow (Halley Editrice, 2006)

Iniziamo col dire che la grafica è la migliore che io abbia mai visto per un libro di Alda. Diretta, minimale e tagliente, esattamente come lo stile dell'autrice. Azzeccatissimo anche il titolo, in linea con la front cover.
Bloody rainbow - tanto per non smentire l'imprevedibilità di Alda Teodorani, è un libro assolutamente atipico nel panorama editoriale italiano. Non solo un libro d'autore, per l'appunto, ma anche un libro sull'autore e dell'autore, nell'accezione più fisica ed intrinseca del termine. Mi spiego meglio: i lettori anche occasionali della Teodorani la ricorderanno sicuramente alle prese con personaggi che in qualche modo riflettono un ego speculare della narratrice stessa. Non parlo esclusivamente di soggettiva, naturalmente, dal momento che l'occhio del killer (vedi Dario Argento) è soltanto uno dei tasselli/espedienti di un preciso schema letterario volto a confondere continuamente il confine tra la mano che scrive e la mano che stringe l'Opinel. Di fatto l'ambiguità rimane ed è volutamente incolmabile, tant'è che il gioco diventa sempre più serrato, perché ogni opera è un'altra carta scoperta di un poker che non si vedrà mai. Da "La signora delle torture" in poi, Alda sostanzialmente si diverte a confondere il lettore disseminando ovunque note tanto autoreferenziali quanto sibilline: pratica che a quanto pare diventerà presto anche retroattiva, andando a interessare, arricchire e anomalizzare l'ambito delle ristampe. "Bloody rainbow" - neanche a dirlo - stringe ulteriormente il cerchio.

Una raccolta di racconti e scritti precedentemente inediti o difficilmente reperibili in versione cartacea diventa infatti in questo caso il pretesto per mettere in scena una collezione di flashback e potenziali "dietro le quinte", nonché una parte notevole - ma mai essenziale - della sfera privata dell'autrice. Gli stessi amici di Alda sono messi in scena in qualità di intervistatori, ed è stato solo dopo aver letto tutte le 288 pagine che ho capito perché sono stato coinvolto nel progetto poco prima che il libro andasse in stampa. La sensazione di essere un personaggio di Alda Teodorani è piuttosto divertente, soprattutto quando da buon rincoglionito non te ne sei neanche reso conto. Ora che l'ho capito, prometto comunque agli elettori che l'intervista detta in progress si concluderà realmente su Lamette, perché se finisse quando chiudete il libro saremmo in un reality show, mentre vi assicuro che qui nulla è stato costruito a tavolino. Neanche la citazione a bruciapelo di Frontiera, Arsenico e Gozzilla & Le Tre Bambine Coi Baffi in quanto ascolti potenziali del lettore ideale della Teodorani. A lei piace immaginarlo realmente così: praticamente un punk-hardcorer italiano di scuola anni '80/'90.

Abbiate questo libro, così come tutto il resto della produzione della migliore scrittrice attualmente in circolazione in Italia. Non vi servirà a ricomporre il puzzle (e qui mi viene in mente una celeberrima scena di "Quarto potere"), ma potrà senz'altro aiutarvi ad incastrare al posto giusto tutti i pezzi momentaneamente disponibili.

Alda Teodorani - Bloody rainbow, Halley Editrice, 2006, pp. 288, euro 13.

[Simone]

Per ordinare il romanzo, scrivete a halleyeditrice@halley.it oppure andate su www.halleyeditrice.it
Alda Teodorani: www.aldateodorani.it



Commenti:

Re: Alda Teodorani - Bloody rainbow (Halley Editrice, 2006)
Minchia mi tocca trovare il lavoro anche qua!!!

02/08/2006 di: TELESPALLA

 
  Fototeca
Discipline
Discipline


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 63
Commenti: 181

  Cronologia della Lama
Thursday 21 November 2019
oggi nel 1976: Billy Idol lascia i Chelsea e va a formare i Generation X.


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.082 Secondi