Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012) (1)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: The Pale Flowers - The Pale Flowers cd (Autoprodotto, 2013) di: Randy
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: Eyalz
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: clickme
Re: Amelie Tritesse/Tre Tigri Contro split 7” (Autoprodotto, 2013) di: clickme
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Recensioni Tuesday 19 December 2006:
Punx. Creatività e rabbia DVD + libro (ShaKe Edizioni Underground, 2006)

Ho appena finito di visionare questa collezione di documentari e sono rimasto sinceramente impressionato dal potere comunicativo delle immagini raccolte, per quanto datatissime e appartenenti a un passato che io ho vissuto semplicemente di riflesso. Gli anni '90, del resto, sono stati un periodo transitorio, a cavallo tra la decadenza del punk anarchico delle occupazioni coatte, degli sgomberi e delle fanzine e il nuovo ciclo a base di Internet come passaparola istantaneo, centri sociali organizzati a livello semi-imprenditoriale e un numero ormai incalcolabile di autoproduzioni curatissime, tirate e distribuite in centinaia o anche migliaia di copie. L'industria ha inglobato la rabbia - come si temeva fin dal principio - o la rabbia è uscita da mura claustrofobiche (per quanto colorate) ed è dilagata definitivamente come come un auspicato virus? La seconda ipotesi, qualora fosse anche accettabile oggi, all'inizio degli anni ottanta non era neanche lontanamente presente nell'immaginario collettivo, se non a livello di irrealizzabile utopia. E di utopia tra i punk ce n'è sempre stata ben poca. Mentre scrivo queste righe, per l'appunto, sto cercando in un cassetto la mia brava copia del tape "La notte dell'anarchia", reperita oltre dieci anni fa in uno squat oggi sgomberato e prodotta - se non vado errato - proprio da una fantomatica Antiutopia Edizioni/Creazioni. Il nastro documenta a livello sonoro due degli episodi qui ripercorsi per esteso (La contestazione ai sociologi del 4 aprile 1984 e l'occupazione del teatro di Porta Romana), e devo dire che risentire "Oltre la porta" dei Rappresaglia come colonna sonora di queste immagini mai viste prima fa un certo effetto, o meglio completa qualcosa nel mio malvoluto guazzabuglio di input. Gomma è una bella mente: scrive, narra e ricuce con cognizione di causa, e - quel che più mi piace - con uno spirito assolutamente non didascalico. "Costretti a sanguinare", l'ormai quasi best-seller di Philopat che ha aperto idealmente il discorso punk della ShaKe, mi risultò a suo tempo troppo romanzesco e troppo ammiccante al fruitore, e la stessa critica muoverei al 90% dei documentari punk che ho visto in vita mia. Qui finalmente le immagini sono lasciate libere di parlare da sole, anche grazie alla felice scelta editoriale di includere nel packaging delle premesse scritte a ogni singolo brano documentario. L'introduzione di Gomma è quanto di più schietto e centrato io abbia letto ultimamente sull'aspetto doppelganger del punk. "Il punk, diversamente da come la si racconta in questi giorni, è stato soprattutto una storia sporca, a volte persino maledetta. Disperazione, morte, radicalità estrema e irrazionale, pazzia, tradimenti, autodistruzione. In mezzo a tutto ciò solo pochi hanno avuto la capacità e la fortuna di non soccombere. Bravi, anche perché hanno costruito dei modelli benefici per sé, per chi stava loro intorno e utili anche per le generazioni successive. Non sono però stati gli unici attori su quel palco. Intorno a loro molti più soggetti la cui storia non è stata ancora narrata e che difficilmente lo sarà mai. Un aneddoto significativo: credo di essere tra i pochi ad avere scattato una cinquantina di ritratti di punk tra il 1979 e il 1982. Sono foto per certi versi preziose, a cui tengo molto e che credo verrebbero apprezzate se viste in giro. Ma non ho il coraggio di esporle poiché i tre quarti di quei ragazzi sono morti. Le ragioni della loro scomparsa sono tutte drammatiche: eroina, Aids, violenza, emarginazione, cattiva qualità della vita. Forse ogni generazione paga un prezzo: ci sono le generazioni morte per la fame, altre per la guerra, altre ancora per la politica. La mia ha pagato per ragioni esistenziali e non è facile pertanto cantarne le gesta. E significativamente ci sono tanti ex punk che oggi non vogliono che la loro storia sia narrata. Ci sono fratelli - musicisti incredibili i cui dischi mi fanno venire ancora adesso i brividi, come mi succedeva venticinque anni fa - che rifiutano di essere raccontati. Loro, che rispetterò sempre per questa scelta così diversa dalla mia, hanno chiuso la porta in faccia alla comunicazione. Ma sono un segno tangibile dell’incredibile, inarrivabile duplicità del punk, “non comunico / comunico alla massima potenza”. Sono la memoria inconoscibile del dramma punk, sono il simbolo di ciò che non si può dire".

Più di due ore di immagini e musica: praticamente tutto lo scibile video relativo al Virus (edito e inedito) ripreso dai supporti sopravvissuti al tempo e completamente restaurato. In Punx - Creatività e rabbia vedrete il 5° Braccio, le Antigenesi, i Cheetah Chrome Motherfuckers, i Wretched inseriti nel contesto da cui ebbero origine: uno stanzone ingombro di frenetici disagiati, intenti a dipingere muri, improvvisarsi costruttori, discutere, discorrere, bere, drogarsi, inciampare l'uno nell'altro, stilare e realizzare progetti. Una macedonia di individualismi e individualità, che iniziava solo allora ad assumere un'apparente compattezza, e che per questo diventò in pochi anni una minaccia per le istituzioni. Nessun improbabile autocompiacimento, soltanto l'antisettica documentazione di un passato non ancora lontanissimo. Quello che di fondo dovrebbe sempre cercare di essere un documentario: nei limiti del possibile, ovviamente, dal momento che anche il semplice montaggio è di per sè un'inevitabile manipolazione. Il libro allegato di 48 pagine è assolutamente funzionale a questo tipo di etica/estetica, dal momento che va prevalentemente ad ovviare alle lacune tecniche e narrative delle immagini di repertorio.

Consiglio spassionatamente l'acquisto di questo DVD a tutti i lettori della Lama, e più in generale a chi vuole avvicinarsi al punk lucidamente e senza mitomanie. Pollice in alto su tutta la linea.

[Simone]

Per contatti, o per avere il DVD: ordini@shake.it


 
  Fototeca
Lamette 4 Release Party
Lamette 4 Release Party


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 63
Commenti: 178

  Cronologia della Lama
Sunday 20 October 2019


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.060 Secondi