Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012) (1)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: The Pale Flowers - The Pale Flowers cd (Autoprodotto, 2013) di: Randy
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: Eyalz
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: clickme
Re: Amelie Tritesse/Tre Tigri Contro split 7” (Autoprodotto, 2013) di: clickme
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Recensioni Monday 24 September 2007:
Brendan Mullen, Don Bolles, Adam Parfrey - Lexicon Devil – The fast times and short life of Darby Crash and The Germs (Feral House, 2002)

Che cosa mi ha portato a leggere un volume di trecento pagine in inglese nel tempo record di un pomeriggio? Tanto per cominciare, la mia ritrovata attitudine alla carta stampata. Quindi, il fatto che Darby Crash e i Germs sono stati e sono tuttora una delle mie principali influenze. Considero “G.I”. il più importante disco punk di tutti i tempi: non ho mai fatto tesoro di quest’informazione. L’ignominia è che dopo cinque anni ancora non esiste un’edizione italiana di questo libro, nonostante voci di corridoio abbastanza prossime a me la segnalassero come operazione letteraria potenzialmente imminente. Tagliando la testa al toro, ho optato quindi per il DYM (Do It Myself): ho recuperato l’originale, l’ho letto, l’ho tradotto sommariamente all’impronta, e ora ne riscrivo. Nel dubbio si ammazza.

Lexicon Devil è a tutt’oggi l’unica biografia ufficiale del massimo cult ’77 di L.A., ed è in qualche modo una versione deluxe e strabordante di nuovi contributi dell’articolo di Brendan Mullen che tradussi anni or sono per il primo Lamette cartaceo (introvabile, scoraggio immediatamente chi si volesse mettere eventualmente alla ricerca). Mullen – per la cronaca – è stato il fondatore e gestore del leggendario Masque, una sorta corrispettivo californiano del CBGB’s. Don Bolles, all’anagrafe Jimmy Giorsetti, come molti sanno è stato invece il batterista “storico” dei Germs. Adam Parfrey, l’editore, è a sua volta un fan di lunga data della band, anche se definire i Germs band è sicuramente riduttivo, soprattutto pensando al significato odierno che viene attribuito al termine (professionismo, soldi, scenografie, pubblico di qualsiasi ceto sociale, nessuna urgenza di comunicazione). Contrariamente a tutti gli altri libri rock’n’roll che potrete procurarvi o leggere, non una sola riga di “Lexicon Devil” è un compendio critico redatto appositamente per l’occasione. Quello che avrete tra le mani è piuttosto un album fotografico corredato da un lunghissimo cut-up di testimonianze oculari, opinioni e rimembranze di singoli individui più o meno vicini a Darby Crash: dichiarazioni lontane tra loro nel tempo e spesso in insanabile contraddizione. Dico insanabile anche perché il 50% delle persone che le proferiscono sono morte da tempo, e l’altra metà sono oggi artisti, professionisti affermati, casalinghe, padri di famiglia, ergastolani, e la vecchia scena punk di Hollywood non è che un ricordo lontano e struggente che più o meno tutti cercano invano di esorcizzare o di metabolizzare.

”Lexicon Devil”, dicevo, non è solo la biografia di una band, ma la storia completa di Circle One – un entourage di diseredati che shakerava insieme le caratteristiche di una setta di fanatici, una scuola di pensiero, un surrogato di famiglia per senzatetto, un harem di groupies e un moto spontaneo di aggregazione adolescenziale. Il tutto nato, vissuto e morto intorno alla figura chiave di Paul Beahm alias Bobby Pyn alias Darby Crash, un’entità complessa quanto ingenua, tormentata e controversa, con i suoi enigmi che nessuno in realtà sembra essere mai riuscito a decifrare completamente; al punto che il ritratto finale non è troppo dissimile da quello del protagonista di un romanzo d’altri tempi, delineato per sommi capi. C’è naturalmente disperazione e disagio in ogni pagina: droga, morte, deviazione e annichilimento sono argomenti che ricorrono con la più sconcertante naturalezza, fino a formare una spirale che farà implodere progressivamente il tutto, o forse molto più semplicemente chiuderà il cerchio blu nell’unica maniera possibile e immaginabile. Rimane l’influenza indistruttibile che i Germs avranno di lì a poco sulla nascente scena hardcore, che in qualche modo li soppiantò e li privò di un contesto. Il concerto-funerale celebratosi allo Starwood il 3 dicembre 1980, all’indomani del quale Crash comprò 400 dollari di eroina per porre fine (eroicamente o meno) alla sua parabola, non fu probabilmente – in questo senso – molto più che un premeditato passaggio di consegne.

Brendan Mullen, Don Bolles, Adam Parfrey - Lexicon Devil – The fast times and short life of Darby Crash and The Germs, Feral House, 2002, pp. 296, euro 21,30

[Simone]



 
  Fototeca
Punk and Disorderly 2007
Punk and Disorderly 2007


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 63
Commenti: 178

  Cronologia della Lama
Monday 23 September 2019


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 4.799 Secondi