Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012) (1)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: The Pale Flowers - The Pale Flowers cd (Autoprodotto, 2013) di: Randy
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: Eyalz
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: clickme
Re: Amelie Tritesse/Tre Tigri Contro split 7” (Autoprodotto, 2013) di: clickme
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Recensioni Tuesday 15 January 2002:
Bone Machine + Oltraggio + D. O. S. live alla Cantina, Frosinone, 11 & 12/01/02

Un nuovo raduno "Skins & Punks" in quel di Frosolone? Nooo, ma ci si è andati molto vicino durante un paio di queste ultime sere, quando Enrico ci ha riprovato con una due giorni alla Cantina. Questa iniziativa, sottolineo, è già la terza, e ripeto terza, che il ragazzo riesce a organizzare in terra ciociara nel giro di pochi mesi: al nostro vada dunque il generoso plauso che si tributa di solito a chi (facendosi un culo tanto) riesce alfine a ottenere che pure nel deserto germoglino le ortiche (Nda: dico ortiche perchè altri vegetali li puoi pure cogliere a mazzi per pulirtici il culo, ma le ortiche no; se provi a pulirti il culo con le ortiche sicuramente te lo pungi).

Ma tralasciamo per un attimo i riferimenti botanici e passiamo al resoconto delle due sere frusolàne.

11/01

L'andazzo di questa prima serata è stato molto etilico, almeno per quanto riguarda il sottoscritto, che stava 'mbriaco come 'na cocozza. Hanno aperto (mi pare) i Benders, formazione punk apparsa ultimamente sulle scene. Non chiedetemi di dove sono perché hanno suonato, ahimè, proprio nel momento in cui ero in fase totalmente delirante: ricordo tuttavia che fanno un sano punkcore con voce melodica e che hanno distribuito una serie di adesivi e volantini con su raffigurato il volto del simpatico robot Bender, retaggio della serie televisiva "Futurama".

Dopo di loro, nel mezzo della serata, si sono appropinquati agli strumenti, a sorperesa, gli Ex-Birkenau (ovvero quei quattro sciamannati di Ermete, Enrico, Enzo e Stefano che ancora non hanno deciso di comune accordo un cacchio di nome qualsiasi). Hanno suonato poco ma buono, anche se loro sicuramente non se lo ricordano, perché erano tutti più o meno nelle mie stesse condizioni e si sono trovati sul palco senza manco saperlo. Potrei parlarvi più dettagliatamente di questa performance, ma preferisco tenermi le loro chicche migliori per il report del 12.

È stata dunque la volta dei The Bone Machine, reduci dal recentissimo 45 giri split con i giapponesi Melt Banana. Il concerto dei dannati rock'n'rollers me lo sono goduto con la soddisfazione del vero cafone ubriaco seduto al tavolino del suo bar nell'atto di ascoltare del maledetto rock'n'roll: davvero un'esperienza irripetibile.

Ottima come sempre la chitarra di Andrea "Jack Cortese", vero macinatore di sei corde. Enrico, che era seduto alla mia sinistra, nel vederlo all'opera più volte commentava estasiato: "È un ficcatore".

Per uno degli ultimi pezzi si è unita alla bènd la cantante "Dynamite" Anna, che appare anche nel nuovo disco dei nostri. Il concertone si è chiuso in bellezza e noi siamo andati a nanna, perché domani era un altro giorno. Prima di dormire però ho voluto un dannato e maledetto caffè, e Simona pure mi ha maledetto a più riprese mentre lo metteva sul fornello. Grazie Simona.

12/01

Già alle otto di sera il piccolo interno della Cantina era sovraffollato di gente rasata e crestata, intervenuta in massa dalla capitale e dalla stessa Frosolone. Un'ora di saluti perché tutti li conoscevo, manco a dirlo.

La serata iniziava dunque con gli Ex-Birkenau, che non si sono fatti certo prendere in contropiede. Gli innominati streetpunkers ciociari hanno sfornato subito, uno dopo l'altro, i loro validissimi brani di tipico Oi! sparato, tra i quali, a mio avviso, spicca "Ribelle"; incluse nella scaletta anche le già note "Omologato" e "Nazi al muro", risalenti al periodo in cui i Birkenau si chiamavano ancora Birkenau. Il pubblico ha risposto benone e tutti pogavano, compreso Enrico che nelle pause in cui non doveva cantare si tuffava beato nel macello. L'Ermete veniva invece invitato più volte a tirarlo fuori, ma non lo faceva, dicendo dopo dopo.

È stato quindi il turno, mi pare (Nda: ok, non sono un giornalista serio; ora posso sbagliare in pace sulla successione cronologica dei gruppi?) degli hardcorers ciociari Regret, già apparsi al raduno di quest'estate: purtroppo, come mi spiegava Rude, il gruppo è stato penalizzato da una formazione del tutto provvisoria, dovuta a inconvenienti vari. Devo dire comunque che Rude come cantante se la cava bene, e che il loro set, composto dai brani del demo "Legittima difesa" e dalla cover di "Mass media" degli Indigesti, ha coinvolto in un pogo ininterrotto buona parte dei presenti.

La palla è giunta quindi nelle mani dei Discard of System, già Disfact, già esibitisi al raduno. Fin dal primo urlo del Bestia è stato subito chiaro che si sarebbe trattato di un concerto memorabile per il livello di violenza sonora esibito. Il pogo infatti riesplodeva, furioso, dopo appena un paio di pezzi, culminando in una vera e propria ammucchiata durante la cover di "Frana la curva" degli Erode. In questa occasione mi sono anche accorto che il brano "contro i nazi de merda" intitolato "Bone head" è già riuscito ad assurgere al livello di cavallo di battaglia dei Discard of System.

Dopo di loro hanno suonatoo gli Oltraggio uniti ai Branded, e qui devo obiettivamente dire che sono stati grandi, addirittura migliori rispetto alle mie personali aspettative: pochi cazzi.

Da "Guerriglia urbana" a "Cos'altro ci aspetta" alla coverona di "Branded" degli Anti-Nowhere League, i romanacci hanno scioccato Frosolone proponendo brani che erano degli Oltraggio, brani che erano dei Branded, e brani nuovi che sono di tutti e due. Pippo ha tenuto, a più riprese, un comizio etilico da paura, rivelandosi tra l'altro anche un perfetto intrattenitore: il bello è che poi dice pure che quando suona si emoziona.

Il culmine del concerto è arrivato con "Distruggere per costruire", che i nostri hanno dedicato a Enrico, a Ermete e pure a me. Durante il pezzo faceva la sua comparsa una sventolante bandiera nera: qui i cori li hanno fatti tutti, e qualcuno un po' si è pure commosso. Io ho rimembrato solo, ancora una volta, da che parte sto (anche se sembra che me ne frego di tutto, state tranquilli che certe cose ancora mi tangono).

E così, siore e siori, tra una birra e l'altra, tra tavoli rotti e risse mancate, è terminato il nostro ennesimo inserto punk nella piatta vita della provincia ciociara. Un gran giorno, direi. A quando la prossima puntata?

[Simone]


 
  Fototeca
Crack! 2006 - Fumetti Dirompenti / Vinavyl - Omaggio a Stefano Tamburini - Forte Prenestino, Roma, 08-11/06/2006
Crack! 2006 - Fumetti Dirompenti / Vinavyl - Omaggio a Stefano Tamburini - Forte Prenestino, Roma, 08-11/06/2006


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 63
Commenti: 178

  Cronologia della Lama
Monday 16 September 2019


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.039 Secondi