Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012) (1)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: The Pale Flowers - The Pale Flowers cd (Autoprodotto, 2013) di: Randy
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: Eyalz
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: clickme
Re: Amelie Tritesse/Tre Tigri Contro split 7” (Autoprodotto, 2013) di: clickme
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Recensioni Monday 01 July 2002:
Gino Nardella - Il senso della vita è non rompere i coglioni (St. Alt. , 2002)

Romanzo solo apparentemente minimalista, l’opera di Nardella si caratterizza per il felice intarsio di periodi che ben affrescano sul foglio, con personale cifra stilistica, le avventure del classico anti-eroe: quel Donato Nardecchia alter-ego dell’autore che strappa lacrime e risate per il suo modo clownesco di inciampare nelle cose che incontra (persone comprese).

Una saga con personaggi brutti, sporchi e cattivi, che narra la vicenda di uno studente universitario poi riformato per finte turbe psichiche, che diviene poi frequentatore dei salotti romani ed infine barbone per scelta di vita. Un bizzarro barbone senza meta né ambizione, perché per lui il senso ultimo della vita è non rompere i coglioni.

Novello Charlie Chaplin di fine Novecento, il buon Nardecchia è uno che accetta il compromesso per necessità di sopravvivenza; uno che si contenta di godere ad occhi chiusi, pensando ad altro, rassegnato a tirare avanti per la consapevolezza d’aver scelto la vita sbagliata per avere pretese.

Scrivere in prima persona non è mai facile. Ma quando si getta la penna (ed il cuore) oltre l’ostacolo, come in questo caso, non v’è rischio alcuno di annoiare il lettore con l’ennesima autobiografia non richiesta.

Certe atmosfere ricordano quelle del primo Culicchia di “Tutti giù per terra”, ma lo stile è diverso. Non v’è la preoccupazione che fu di Culicchia di farsi capire da tutti attraverso un linguaggio piano che strizzava l’occhio ad una trasposizione cinematografica (che puntualmente seguì). Nardella, infatti, è un piccolo Céline. Uno che si diverte a spostare principali e subordinate a piacimento, per dare l’idea di un universo instabile e che non offre sicuri punti di riferimento: esattamente come quello contemporaneo.

Piace anche l’attenzione per il linguaggio gergale. Fino a prova contraria, da Manzoni in poi ciò rappresenta una delle peculiarità della Letteratura.

Molto divertenti alcuni personaggi minori, come Grazia o lo psichiatra Massimo Lodati, che ben rappresentano i capricci di un destino che pone sul cammino dei singoli persone e situazioni delle quali si farebbe volentieri a meno, senza poter fare nulla per evitarle. Perché dal libro si deduce che il libero arbitrio è pura utopia, almeno in una società che non offre lavoro, limitandosi a chiedere fin troppo a cittadini increduli e in fondo inermi.

Nardella si rivela un abile costruttore di trame, il suo dialogato è sempre godibile e a tratti perfino spassoso nel raccontare il percorso di Donato, uomo-maschera che va alla deriva da Bologna a Roma.

Partito con mille speranze, egli diventa uno che quando dorme la notte si augura di sognare per dimenticare gli incubi della giornata appena trascorsa in un mondo dove tutto va storto e gli uomini non hanno facce piene di nei ma di… mutui da pagare in qualche modo.

Esilarante e geniale deve ritenersi la scelta farlo iscrivere ad un corso per diventare barbone, ma Donato resta speciale anche in questa sua nuova condizione, perché è uno che riesce a vedere poesia anche nella languida fiamma di un vecchio “zippo”.

Sarà difficile dimenticare alcuni personaggi minori dai nomi quanto mai significativi (es. Cionco, Bagongo, Sogliola) come pure la bizzarra coppia Baffo-Merendina, che non riesce a far l’amore senza un guardone che li spia. Questo stratagemma, utile all’autore per infilare il Nardecchia nella loro casa, dando vita al più improbabile dei rapporti a tre, movimenta la parte conclusiva dell’opera, vagamente bukowskiana.

A giudicare dalla buona vena esibita in questo romanzo, da Nardella è lecito attendersi altri divertenti storie. Da tenere d'occhio.

[Fernando Bassoli]



 
  Fototeca
Lamettomaniacs - Silvia
Lamettomaniacs - Silvia


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 63
Commenti: 178

  Cronologia della Lama
Monday 23 September 2019


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.054 Secondi