Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Cool di: sosoabram
cool di: sosoabram
Re: Luigi Bonanni (Centocelle City Rockers, Garçon Fatal) di: rightjobspk11
Re: Gola profonda (Deep throat, USA, 1972, col.) di Jerry Gerard (Gerard Damiano) di: rightjobspk11
Re: G. G. Allin (1956/1993) di: rightjobspk11
Re: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) di: rightjobspk11
Re: G. G. Allin (1956/1993) di: monica123
Re: G. G. Allin (1956/1993) di: monica123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Relics Thursday 25 July 2002:
Misfits – Walk among us (Ruby/Slash Records, 1982)

Quello che sta girando in questo momento nel mio moderno lettore è uno dei dischi punk più belli non solo dei tempi che furono, ma di tutti i tempi. Il trademark è dei granitici Misfits, ovvero la prima e senza dubbio la più grande horror-splatter-punk band della terra. Nel proporvi questo “Walk among us” come capolavoro imperdibile e assoluto del genere da noi trattato (se già non l’ha vinto, meriterebbe ben più di un disco di platino) sono sicuro al 100% di non sbagliare, dal momento che i Misfits sono stati il primo gruppo punk che mi sia stato dato di ascoltare, e saranno anche l’ultimo che dimenticherò, nel caso in cui l’arteriosclerosi inevitabilmente mi raggiungesse.

Il vinile in questione, datato 1982, sancì all’epoca l’ultimo Misfits-capitolo prima della sterzata musicale verso l’hardcore (vedi cose come “Earth A. D.” o “Wolfsblood”) e del primo scioglimento dei nostri, dovuto al fatto che il carismatico singer-trascinatore Glenn Danzig (cazzo, mica dovrò dirvi pure chi è Danzig?) si ritenne così soddisfatto del proprio lavoro che decise di farla finita per sempre con il punk, certo di aver già dato il meglio di sé nel settore. E perdìo lo fece. Nel corso di questi ultimi (quasi) vent’anni, il Danzig, pianista, compositore e genio musicale incontrollato, ha messo in piedi con successo i Samhain, i Danzig e una serie innumerevole di progetti solisti, compreso un disco di industrial e uno di musica sinfonica, senza mai rigorosamente più tornare sul punk, nonostante richieste, proposte, cazzi e mazzi vari. Se non fosse abbastanza, aggiungeteci pure qualche hit radiofonico di proporzioni stratosferiche, tipo “Mother”. Robetta, insomma. E fu così che Jerry Only, dopo una lunghissima meditazione, decise di continuare. Non so cosa ne pensiate voi di “American psycho” & compagnia bella: a me sono piaciuti un casino, anche se non c’è paragone con i super-fasti del passato.

Ok, ma veniamo al nostro “Walk among us”. Immaginatevi un cocktail micidiale di b-movies, vecchi horror in bianco e nero, fantascienza primitiva e grandguignolesca, evidenti divagazioni dark e, ovviamente, punk ’77 che più 77 non si può. Immaginatevi Elvis Presley o al limite Jim Morrison nell’atto di cantare una canzone dei Ramones. Questo erano per me i Misfits un tempo: non ci sarà mai più niente del genere, signori. I pezzi sono tutti pezzi di storia, dall’opener “20 eyes” alla conclusiva “Braineaters” (quest’ultima un tantinello Oi! nella melodia): come faccio a dirvi quali preferisco senza citare tutta la tracklist? Sarebbe come chiedere a un fan dei Beatles quali cagate abbia scritto John Lennon con loro.

Ci sarebbero fiumi di parole da dire ancora su questo vinile, ma una frase sola le riassume tutte.

Danzig, torna tra noi. Ci manchi tanto.

P. S. : Quest’articolo è dedicato a Lello dei Rival Skulls, uno dei maggiori Misfits-filologi italiani che io conosca. Ciao Lello!

[Simone]

01)20 eyes 02)I turned into a martian 03)All hell breaks loose 04)Vampira 05)Nike a go go 06)Hatebreeders 07)Mommy can I go out & kill tonight (live) 08)Night of the living dead 09)Skulls 10)Violent world 11)Devils whorehouse 12)Astro zombies 13)Braineaters



Commenti:

Re: Misfits – Walk among us (Ruby/Slash Records, 1982)
Due parole per questo vinile:che figata!La prima persona che me lo fece sentire fu una mia amica e mi disse:senti un pò qua!Pensai che fosse una figata sonora e andai subito ad acquistarlo in cd(stiamo parlando dell anno scorso,non del 1982 quando il sottoscritto non era neanche una goccia di sborra vischiosa).Da quel momento diventarono uno dei miei gruppi preferiti,con quelle maschere che si ispiravano a film horror e quelle canzoni che coniarono poi un genere(vedi horror punk,genere seguito da alcuni gruppi arrrapanti tipo Spook o T.S.O.L.).Ritornando all'album,comunque,bisogna ricordare gli episodi più brutti e cupi(quindi i migliori):la prima "20 eyes"che parte subito con unabatteria a mille,"all hell breaks loose"con il basso di Jerry in primo piano,"mommy can i go out..."che prima parte abbastanza lenta e poi finisce veloce,dopo una simpatica riflessione del cantante Glenn Danzig(praticamente chiede a sua madre di uscire di sera per uccidere)che fa molto Clockwork Orange e "Night of the living dead",simpatica canzoncina da cantare in coro quando si fa visita ad un cimitero.CREPATE TUTTI QUINDI,ma lasciatemi vivi i MISFITS!

29/12/2003 di: tommy-gun

Re: Misfits – Walk among us (Ruby/Slash Records, 1982)
sottoscrivo, davvero un gran cd, ed anche una gran bènd.

10/05/2004 di: Sk8nir89

Re: Misfits – Walk among us (Ruby/Slash Records, 1982)
Uno dei dischi fondamentali del punk-USA, senza dubbio un must-have.
Nota1: All'epoca il disco fu stampato solo in due paesi : USA e....ITALIA! Sì, qui da noi!
L'etichetta fu la SLASH records che stampò ,udite udite , anche il mitico Lp dei FEAR (The Record), quelli di I love livin in the city per intenderci.
Nota2:Ehi Simone! Cambia l'immagine della copertina, quella è la terza stampa (scritta Misfits verde,sfondo viola) del 1988!!!
La stampa del 1982 ha scritta Misfits rosa e foto su sfondo rosa, sia per gli USA che per l'Italia.

18/05/2004 di: wiz

Re: Misfits – Walk among us (Ruby/Slash Records, 1982)
AHHHHHH!!!
Ogni qual volta vado a memoria mi inceppo...l'etichetta che stampò in Italia tale Lp fu la Expanded Music,l'anno era correttamente il 1982.

20/05/2004 di: wiz

Re: Misfits – Walk among us (Ruby/Slash Records, 1982)
I vecchi Misfits, quelli cioè col mitico Glenn Danzig alla cupa ed ironicamente epica voce, sono qualcosa di magnifico: Skulls, Astro zombies,20 eyes, pezzi destinati a rimanere nella storia. Ovviamente non hanno niente a che fare con la porcata nata dalla reunion ecc. Chevergogna, adesso Jerry Only sponsorizza pupazzetti, tavole da skate e scarpe...meglio non parlare. Vecchi Misfits, maestri indiscussidell'horror punk, riposate in pace. Noi continueremo a ricordarvi.

10/07/2005 di: Marcus

 
  Fototeca
Crack! 2006 - Fumetti Dirompenti / Vinavyl - Omaggio a Stefano Tamburini - Forte Prenestino, Roma, 08-11/06/2006
Crack! 2006 - Fumetti Dirompenti / Vinavyl - Omaggio a Stefano Tamburini - Forte Prenestino, Roma, 08-11/06/2006


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 44
Commenti: 55

  Cronologia della Lama
Sunday 26 March 2017


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.031 Secondi