Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012) (1)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: The Pale Flowers - The Pale Flowers cd (Autoprodotto, 2013) di: Randy
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: Eyalz
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: clickme
Re: Amelie Tritesse/Tre Tigri Contro split 7” (Autoprodotto, 2013) di: clickme
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Interviste Friday 27 September 2002:
Paola Tavoletti: l’arte in movimento

L’elemento improvviso, il caso, l’azzardo che erano tradizionalmente assenti nell’Arte occidentale, sono esplosi nei nostri giorni fino a raggiungere il parossismo delle tecniche automatiche, dei ghirigori istintivi, della materia che trasforma e rinnova sé stessa in virtù delle particolari qualità del medium più che per precisa volontà dell’artista, mentre la ricerca di una povertà del medium, di una rozzezza dell’esecuzione e di una an-oggettualità a favore di una più acuta concettualità si possono rinvenire nelle più recenti correnti dell’arte povera ed in genere dell’arte concettuale.


Nata a Roma, città dove vive e lavora, Paola Tavoletti disegna e dipinge su carta, tela, stoffa e legno da quando era bambina. Dopo il Liceo Classico ha frequentato l’Istituto Europeo di Design, maturando una poliedrica esperienza nel campo della comunicazione visiva e lavorando come grafica, illustratrice, art-director e copy writer.

Ha scritto testi per la pubblicità e l’Editoria. La sua tecnica è mista: olio, acrilico, tempera, pastelli e collage per esprimere compiutamente il suo interesse per la centralità della figura umana che celebra una visione dinamica dell’Arte (Arte = movimento).

Oltre a dipingere si esprime infatti attraverso l’espressione corporea, insegnando yoga e ginnastica aerobica per realizzare l’armonia di corpo, mente e spirito. Una curiosità: appassionata di vari sport, ha scalato il Monte Cervino.
Secondo Paola Tavoletti la vita è un caleidoscopio magico di sensazioni, impressioni e pensieri generati dall’alternarsi di buio e luce: cogliere questi frammenti intuitivi, filtrarli e trasmetterli agli altri è la sua passione ed il suo scopo dichiarato.


Le ho fatto alcune domande per conoscere meglio questo personaggio.

D: Quali sono i suoi modelli?

R: Il Futurismo italiano e l’Espressionismo tedesco.

D: Come definisce l’Arte?

R: È liberazione di sé e conversazione col mondo.

D: Quali consigli darebbe ad un giovane artista?

R: Dipingi e poi – se vuoi – segui una Scuola d’Arte.

D: Lo Stato fa abbastanza per valorizzare le Belle Arti?

R: No. Stiamo perdendo il patrimonio che abbiamo. Parlerei di elettrocardiogramma piatto.

D: Ha altre considerazioni circa la sua produzione?

R: Le mie immagini sono tutte visioni, non copio la realtà. La mia Arte è liberazione di sé, grido che non conosce confini, se non quelli del proprio sentire, canto che non sa le note, se non quelle della propria anima. Nelle mie immagini c’è tutta me stessa, ed infatti sono mutevoli come il mio stato d’animo: movimento continuo, dunque: danza sulla tela. I miei quadri non riproducono il mondo, ma raccontano l’impressione che esso fa al mio cuore e ai miei sensi. Filtrata dal mio ‘essere donna’, la realtà muta come disegno infinito nello spazio.

D: Lei ama molto la danza…

R: Ritengo che il legame tra danza, movimento del corpo ed arte visiva sia molto forte, da me sentito visceralmente perché vissuto in prima persona. La danza è vita, libertà, istinto ancestrale mai sopito, che ci riporta a ciò che realmente siamo: creature di un universo meraviglioso.”

D: Può parlarci più in particolare dei suoi quadri?

R: Le mie opere sono tutte completamente inventate: sono immagini che non esistono nella realtà, né le assomigliano; esse appartengono a diversi ‘cicli’, alcuni dei quali considero terminati e non più suscettibili di rivisitazione. Oggi mi sto muovendo solo su alcune linee che ‘sento’ maggiormente. Considero il figurativo un capitolo chiuso. Anzi: si può dire che attualmente detesti l’idea di copiare dalla realtà, sia dal vero che da fotografia come fanno in molti. Ma quella è una sorta di illustrazione pubblicitaria, non Arte. L’Arte per me è sogno: una visione che può nascere solo da me. Altrimenti che senso ha?

D: Vuoi regalare una ‘pillola di saggezza’ ai lettori di Lamette?

R: Guardate sempre oltre le cose: più in alto. Cercate di sentire il flusso continuo della vita, il movimento senza sosta che vi porta dove… non sapete…

Va aggiunto che questa creativa ha cominciato la propria attività espositiva solo nell’anno 2000, dopo un lungo lavoro nel settore editoriale e pubblicitario (sue illustrazioni hanno contraddistinto l’immagine di importanti aziende nazionali).

Ora desidero esprimere soltanto me stessa e non più il sentire o il volere di una committenza. Dipingo per me stessa, ed è questo il motivo per cui sono stimolata ad esporre in occasione di mostre di pittura: per comunicare me stessa agli altri. Finora non avevo esposto poiché non ritenevo interessante esibire una creatività applicata ad una committenza. Sono tornata al sentire un po’ anarchico degli anni precedenti il lungo lavoro in Pubblicità, in cui le immagini nascevano veramente solo dalle mie sensazioni. Ricordo con grande piacere quelle prime esperienze: i quadri piacquero e furono venduti bene, ma la fortuna che cominciavo ad avere come pubblicitaria ebbe il sopravvento e non riuscii a conciliare le due attività. Oggi sono felice di poter proseguire serenamente da dove ero partita. Ha aggiunto.

D: Cosa bisogna fare per sensibilizzare il grande pubblico all’Arte?

R: Portarla in mezzo alla gente. Nel dicembre 2001, per fare un esempio, ho allestito una mostra in un grande magazzino.

Per informazioni sull’attività dell’artista Paola Tavoletti:
e-mail: gildart@tiscalinet.it

Cell.: 3382865980. Tel.: 06/42014626.

Opere visibili presso la Galleria “Gildart” di Roma, via Romagna 16.

Le sue mostre:

MOSTRA ROMANA DEL PICCOLO FORMATO – Collettiva – Galleria San Marco, via del Babuino, Roma – 1977

MOSTRA ROMANA DEL PICCOLO FORMATO – Collettiva – Galleria San Marco, via del Babuino, Roma – 1978

Per tutti gli anni ’80 non ha partecipato a mostre, pur continuando a dipingere.

GIRASOLE ARTE – Collettiva – Roma – 2000

MOSTRA PERSONALE DI FOTOGRAFIA – Chiostro dell’Abbazia di San Giovanni a Lucoli, Aquila - 2000

[Fernando Bassoli]



 
  Fototeca
Stazione Suicida
Stazione Suicida


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 63
Commenti: 178

  Cronologia della Lama
Monday 23 September 2019


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.076 Secondi