Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012) (1)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: The Pale Flowers - The Pale Flowers cd (Autoprodotto, 2013) di: Randy
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: Eyalz
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: clickme
Re: Amelie Tritesse/Tre Tigri Contro split 7” (Autoprodotto, 2013) di: clickme
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Interviste Saturday 08 September 2001:
Umberto "The Guru"

Quest'oggi "Lamette" ha intervistato per voi Umberto "The Guru" D'Agostino, noto personaggio romano nonché membro attivo dei punk-rockers Turturros, dei ruvidi garagers The Reverends, e, udite udite, caporedattore della punk-webzine "Be Nice To Mommy". Ovviamente abbiamo colloquiato assieme a proposito e a sproposito di tutti e tre gli argomenti: addirittura tre al prezzo di uno, non so se mi spiego. Ma che cazz'altro volete?

D: Allora, Umberto, da quanto tempo esistono i Turturros e i Reverends? Qual era il loro progetto delinquenziale originario? Quali sono le loro reali influenze? Dove vorrebbero andare a parare in futuro entrambe le bènds?

R: I due progetti sono molto diversi tra di loro, anche se per motivi di amicizia e di opportunità le due band hanno suonato e suoneranno spesso insieme. I Turturros sono nati nel '98 e dopo un annetto di tentativi poco riusciti la band è invece decollata ottenendo consensi che non ci saremmo mai neanche lontanamente aspettati. Siamo un trio punk-rock, io alla voce e basso, Gianluca alla chitarra e Franz alla batteria, e ci muoviamo sulle orme dei Ramones, che per me restano la miglior band di tutti i tempi. Musicalmente potremmo definirci pop-punk, anche se per colpa della mia voce alla carta vetrata (colpa dell'età e del fatto che sono un fumatore accanito) finiamo spesso per essere etichettati come punk-'77, il che non mi dispiace affatto, anzi. I Reverends sono nati dall'incontro con Andrea Valentini, vecchio punk-rocker alessandrino che facendo l'emigrante al contrario si è trasferito a Roma per lavoro. Io, lui e Franz abbiamo dato vita a quest'altro trio, con due chitarre e batteria, senza basso, pensando di rifarci a gente come Oblivians, Cramps e tanti altri minimalisti. Le influenze sono però assai di più: ad Andrea piacciono molto i Gun Club, Johnny Thunders, Dead Boys e qualcuno ci ha consigliato di inserire il basso per dare più potenza ai nostri pezzi, che sono molto più "rock" di quello che pensavamo all'inizio. Ci stiamo riflettendo, ma non so se seguiremo il consiglio. Dove andranno a parare in futuro le due band? Non ne ho la più pallida idea, spero solo di suonare dal vivo spesso e che la cosa duri il più a lungo possibile.

D: Illustraci i dischi fatti e quelli da fare: qual è il disco che preferisci tra quelli incisi finora?

R: I Turturros hanno pubblicato due cd-r demo, uno nel '99 ("Lazy and Idiot") con sette canzoni ed uno nel 2000 ("Songs For Losers") con dieci canzoni; un 7" con quattro canzoni ("I'm Not") uscito poco meno di un anno fa ed un 7" freschissimo di stampa con due canzoni per noi su un lato e due canzoni dei tortonesi Los*Activos sull'altro lato. In programma c'è un altro 7" compilation con un po' di band italiane e i tedeschi Sonic Dolls (uscita prevista per novembre-dicembre) e un cd vero e proprio che conterrà tutti pezzi nuovi e dovrebbe uscire, se tutto va bene, per gennaio-febbraio del 2002. I Reverends hanno pubblicato un cd-r demo con 9 brani ("Songs From the Church of Rock'n Roll") ed un 7" con sei canzoni ("Whiskey River"). Inoltre, sta per uscire in collaborazione con la Bad Man Records un 7" split coi tedeschi Superhelicopters che conterrà due brani per ogni band. Sono molto soddisfatto di tutto quello che abbiamo fatto finora, anche se ovviamente le cose più recenti sono sempre le migliori, grazie alla maggiore intesa che c'è fra di noi ed una accresciuta capacità di riuscire ad ottenere quello che vogliamo dalla registrazione.

In che luoghi preferite suonare abitualmente? Che rapporti avete con i CSOA?

R: Non abbiamo preferenze su dove suonare. Abbiamo incontrato persone disponibili e pezzi di merda sia nei Centri sociali che in locali "normali". Tradizionalmente il punk è sempre stato visto con scetticismo dalla sinistra extraparlamentare, oggi più che mai... anche perché i Csoa sono molto cambiati. Qualche anno fa sono stati in prima fila nel promuovere la musica dal vivo e da lì sono usciti tanti gruppi validi (tanto per fare qualche nome, Marlene Kuntz, 99 Posse, Almamegretta, Africa Unite, ecc...), che anche se non erano proprio dei miei generi preferiti, perlomeno erano abbastanza originali. Oggi queste band hanno dimostrato che erano lì solo per far soldi e infatti adesso incidono tutti per la BMG e pretendono anche 10-15 milioni a serata. I Csoa si sono buttati allora sui sound-system e tutte quelle cagate del genere, che non costano un cazzo a metterle su (organizzare un palco per un live è sicuramente più dispendioso sia a livello di soldi, che di abilità, che di tempo...) e garantiscono il pienone di bambocci impasticcati. Non abbiamo rapporti con il circuito dei Csoa e se questo è l'andazzo che continueranno a seguire, non ci interessa nemmeno averne. Ma senza preclusioni... se capita, suoniamo ovunque, con la sola eccezione di manifestazioni organizzate da partiti politici. Qui di sicuro non ci vedrete mai.

D: Ok, ora una domanda che a un esperto va necessariamente rivolta: da quanto tempo ascolti punk-rock? Chi erano e chi sono i tuoi gruppi preferiti di tutti i tempi?

R: Ascolto punk-rock da una vita. Nel 1977 avevo 13 anni ed ho comprato "Never Mind the Bollocks" quando è uscito. A risentirlo oggi è un dischetto di rock'n roll quasi pop, allora mi sembrava un prodotto direttamente uscito dall'inferno. Quando i miei gentiori videro alla tv un servizio sul punk inglese, rimasero schifatissimi. E dentro di me pensai: "Cazzo, voglio il disco dei Sex Pistols!". Lo ascoltavo in cuffia e mi metteva paura. Però fui colpito molto di più dai Ramones, quando nel 1979 comprai "It's Alive". Ricordo che mi sgarrai subito i jeans al ginocchio per emulazione e cominciai a provare alla chitarra le loro canzoni. Sapevo suonare poco, ma Blitzkrieg Bop era così facile ed esaltante da suonare! Fratellini a parte, sono stati tanti i gruppi che mi sono piaciuti, dai Bad Religion ai primi No Fx, al punk della Lookout di Screeching Weasel e Queers che negli anni novanta hanno impresso nuova vitaltà al movimento, allo street-punk di band come i Business. E quando si parla di punk '77, io inevitabilmente penso a quello di oltre oceano e non a quello inglese: Johnny Thunders, Crime, Dead Boys, New York Dolls e gli immensi Dictators. Ci tengo comunque a dire che non penso affatto di essere un esperto... ho la casa piena di dischi, ma non sono di quelli che si ricorda a memoria i nomi di mille gruppi e di diecimila canzoni ed è capace di fare tutti i raffronti possibili.

D: Cosa ne pensi dell'attitudine "politicizzata" di molto punk post-settantasette?

R: Io sono il primo ad interessarmi di politica e qualche mia canzone ne parla apertamente. Però spesso l'attitudine politicizzata viene perseguita come un fine, e giù slogan copiati all'infinito... non so, ad un concerto punk c'è sempre qualche coglione che annuncia: "Questa è una canzone contro la polizia!" ed è sempre la solita tiritera di frasi fatte. In generale penso che anche volersi divertire senza dover spendere decine di migliaia di lire per rincorrere le cagate mainstream proposte da Mtv significhi fare politica. I Turturros e i Reverends non possono fare un cazzo contro la fame nel mondo ed eviteranno sempre di dire banalità per potersi dimostrare sensibili alla cosa. Quello che possiamo fare è divertirci e far divertire tutte le persone che, per fortuna loro, sono andate un po' al di là della musica da supermercato che viene loro proposta da radio e tv commerciali. Ti sembra poco? A me no!

D: Rendici edotti in merito al tuo progetto webzine: da quanto tempo esiste "Be Nice To Mommy"? Ti fai un culo così a fare tutto da solo o hai dei collaboratori?

Anche Be Nice To Mommy è nata per gioco. Poi la cosa si è rapidamente espansa, anche perché un paio di persone che mi aiutano ci sono e quindi dalla web-zine si è passati a fare anche una versione stampata con allegate compilation di gruppi italiani, ad organizzare concerti e a produrre dischi, sia nostri che di altri gruppi. Ho la casa piena di pacchi, dischi e carte varie ed avrei bisogno di maggiore aiuto, quando invece le persone che si fanno avanti prima ti rompono i coglioni per avere uno spazio, poi ti mandano quattro cagate e non si fanno più vive. C'è chi pensa che organizzare concerti significhi fare una bella locandina e che per fare una fanzine basta scrivere una cartellina di cazzate senza nè capo, nè coda. Cercherò di tenere duro, perché ho un sacco di progetti nel cassetto che voglio assolutamentre realizzare.

D: Ci sono, secondo te, bènds italiane di rilievo nel panorama attuale, o è tutta nostalgia degli anni ottanta?

Nostalgia degli anni ottanta? Per carità, per me quello è stato il periodo peggiore. Sono stati anni in cui se solo facevi sentire una chitarra distorta ti davano del ritardato. Tutti a dire che il rock era morto.... e invece è morta la disco-music, ah, ah! Gruppi italiani di rilievo ce ne sono davvero tanti, secondo me. Faccio qualche nome di realtà che conosco più da vicino: Manges, Peawees e Retarded per il punk-rock; Homoplastik, Dissuaders (ex Bingo), STP, Killer Klown e Ray Daytona per la parte '77 e Garage. Conosco meno la realtà hardcore, ma so che ci sono un mare di gruppi validi. Tutta questa gente ha ottenuto grandi riconsocimenti anche all'estero e se a questo aggiungi le migliaia di band come la nostra, che si muovono al confine fra l'hobby e l'attività semi-professionale e le tante fanzine che vengono pubblicate.... beh, penso di poter dire che la scena italiana non è mai stata così prolifica e di qualità elevata.

Credo sia tutto: le ultime parole del condannato?

Mi rimetto alla clemenza della corte!

Per contatti scrivete a: dagostino@tin.it
Visita la webzine gestita da Umberto: www.benicetomommy.com

[Simone]


 
  Fototeca
Sick Of It All live @ Estragon, Bologna, 25/11/2006
Sick Of It All live @ Estragon, Bologna, 25/11/2006


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 63
Commenti: 178

  Cronologia della Lama
Sunday 20 October 2019


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.104 Secondi