Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012) (1)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: The Pale Flowers - The Pale Flowers cd (Autoprodotto, 2013) di: Randy
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: Eyalz
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: clickme
Re: Amelie Tritesse/Tre Tigri Contro split 7” (Autoprodotto, 2013) di: clickme
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Recensioni Sunday 20 June 2004:
Emiliano Maramonte - I bordi taglienti del buio (Il Foglio, 2004)

Dopo il buon successo del libro “I volti dell’ignoto”, Emiliano Maramonte si ripropone con una storia a tinte fosche in bilico tra suspance e mistero, nella migliore tradizione di King e Koontz.
Sara Guareschi è di nuovo nei guai. Ricoverata in Ospedale a causa di un’infezione virale che i medici non riescono a curare, scivola nell’inevitabile depressione (“Sono un disastro”), complici la noia e la frustrazione caratteristiche del confino in simili contesti sempre poco piacevoli.

Ma non è tutto: poiché i guai non vengono mai da soli, deve fronteggiare numerose insidie, che si manifestano sotto forma di oscure presenze che abitano la sua stanza, in un tempo sinistro, fatto di giorni ed ore che non passano mai e sembrano macigni pesantissimi da portare sulle spalle come un’ingiusta condanna. Internata nell’Ospedale “Carlo Morenno” di Frambona, una vecchia struttura a quattro piani abbarbicata sul punto più alto di una collina, in una stanzetta spartana “priva di ogni sperabile comodità” – un ambiente vagamente bukowskiano, per esser sintetici – dove tutto è malconcio e provvisorio, la nostra malcapitata e - diciamolo pure - sfigatissima Sara si pone un drammatico interrogativo: “Sarà grave? Morirò?”. La domandina è inevitabile, anche perché i suoi genitori sono scomparsi da poco, a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro. Il dottor Massimo Gerardo avanza l’ipotesi che i problemi di salute della ragazza possano interessare i reni. Dopo notti piene di incubi sconcertanti, arriva la terribile diagnosi: Pielonefrite, un’infezione batterica della parenchima renale. Per essere più chiari: cazzi acidi. E non è finita qui, perché, per sopravvivere, la poveretta sarà costretta ad intraprendere un viaggio terribile nelle sue più profonde paure. Un percorso ricco di colpi di scena molto indovinati, su cui non è bene non soffermarsi troppo per non sciupare il piacere della sorpresa…

Il libro è degnamente completato dal racconto breve “La donna degli incubi di sangue”. La protagonista è Selda, la classica “perfetta sconosciuta” capace di entrare di colpo nella vita di chiunque per sconvolgerla per sempre. Tre notti di orrori, visioni ed emozioni sconvolgenti rivoluzionano l’esistenza del personaggio maschile della novella, uno che, fino a quel momento, poteva considerarsi appagato: un buon lavoro come amministratore delegato di una nota azienda automobilistica, un appartamento da principe con femmina incorporata e pronta all’uso. Cosa chiedere di più a questa sporca vita? Nulla, forse, almeno secondo le formae mentis dell’opulenta (ma anche marcescente) società occidentale postmoderna. Ma non è così. C’è una “macchiolina” scura, in ognuno di noi, che si dilata piano piano fino a diventare ingombrante finché… esplode. Succede che un giorno ci si imbatte in “un’opera d’arte sognata, la cui visione è riservata a pochi” e succede pure che “chiunque potrebbe scambiarla per una Dea capitata per sbaglio sulla Terra”. Ed ecco che il cuore non batte più: sussulta e allora, cari ragazzi, si salvi chi può. Il bello della vicenda, almeno da un punto di vista narrativo, è che il passaggio dalla passione più sfrenata alla follia è quasi inevitabile, soprattutto se si ha un sonno popolato da incubi che diventano realtà… Emiliano Maramonte è di Lucera (FG). Laureando in Legge, si considera un astronomo mancato ed un appassionato di ufologia. Di tagliente, in questo libro, c’è soprattutto la sua scrittura. Nitida e redditizia, assicura una buona fruibilità al lettore, perché la levità di questi tempi è d’obbligo. Mai chiedere troppa attenzione a lettori bombardati da miriadi di informazioni che giungono da mezzo pianeta senza troppi controlli. A meno che non siano dei “lamettiani”. In questo caso, tutto è permesso, perché il caos è il sale della nostra follia ragionata.

Il libro è dedicato a Simone, “piccolo straordinario esploratore di questo strampalato pianeta”. Sarà mica Simone Lucciola?

Emiliano Maramonte, I bordi taglienti del buio, pagg. 93, Euro 7,00

[Fernando “Uragano Tzigano” Bassoli, per Lamette.it]



Info e ordini: lupi@infol.it

 
  Fototeca
Gioventù Bruciata
Gioventù Bruciata


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 63
Commenti: 178

  Cronologia della Lama
Sunday 20 October 2019


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.065 Secondi