Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012) (1)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: Agoràfestival - Idee in movimento - venerdì 27 settembre a Formia, al Teatro Remigio Paone di: adamschule85
Re: The Pale Flowers - The Pale Flowers cd (Autoprodotto, 2013) di: Randy
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: Eyalz
Re: The Morlocks – Submerged alive cd (Area Pirata, 2013) di: clickme
Re: Amelie Tritesse/Tre Tigri Contro split 7” (Autoprodotto, 2013) di: clickme
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123
Re: Ranxerox - L\'antieroe dimenticato di: cai123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Interviste Friday 10 December 2004:
SS-Sunda - Flesh Doll Operetta

Una premessa innanzitutto. Quando ci si riferisce a cinematografie che si credono poco espanse, eccentriche o semplicemente sgangherate, si è impropriamente soliti etichettarle come produzioni di “serie B”, o addirittura indipendenti. Per poi scoprire che tali non sono, per il semplice fatto che le prime appartengono ad uno specifico sistema produttivo hollywoodiano, che prevedeva piccoli budget messi a disposizione di cineasti che rappresentavano la valvola di sfogo di un sistema asfissiante e codificato; le seconde, invece, sono opere prodotte in piena autonomia, completamente svincolate dalle majors. Detto questo, non sono B-movie gli spaghetti western, la commedia pecoreccia e tanta altra produzione nostrana degli anni Settanta, per il semplice fatto di essere made in italy; né tanto meno sono indipendenti i film di Tarantino o i cult-horror che si susseguono numerosi, perché messi in cantiere dalle filiali delle stesse case di produzioni del blockbuster che affolla la sala.

Per trovare l’anomalia conviene cercare tra coloro che oggi si cimentano con gli strumenti offerti dalla tecnologia leggera, motivati e guidati da una selvaggia, generalizzata, insofferenza. E allora ci si accorgerebbe che da qualche anno circola, benché in modi e spazi poco convenzionali rispetto ai canonici canali del cinematografo e dell’home-video, Flesh Doll Operetta di SS-Sunda; storia di (stra)ordinaria depravazione, che vede coinvolta una famiglia di reietti, vera corte dei miracoli, vessata da un sistema che ordisce soluzioni non meno meschine per l’assoggettamento altrui. Un vero e proprio tour de force dell’insano, da far invidia al primissimo John Waters.

Ne parliamo con colui che l’ha concepito:

D: Con quale produzione cinematografica pensi di avere affinità?

Non lo so. Togliendo preti e mafia, forse con la strampalata “trinacria cinematografica” protagonista de “Il Ritorno di Cagliostro”!!!

D: Qual è il criterio con cui arruoli il tuo cast tecnico?

A parte io e Turi Boop, nelle nostre solite vesti di tuttofare, non ho mai avuto un cast tecnico. Comunque attualmente sto preparando un vero lungometraggio e quindi sto valutando tutte le mansioni di cui avrò bisogno (effettisti speciali, fotografia, maestro d’armi, costumisti, catering, etc.), oltre che a cercare di racimolare la cifra necessaria per la sua realizzazione.

D: E gli attori?

In linea di massima, visto il no-budget che ho sempre avuto, utilizzo degli amici. Per “FLESH DOLL OPERETTA” ho analizzato le persone che avevo attorno, i loro comportamenti e costumi, ne ho scelti alcuni e quindi ho scritto la sceneggiatura in base a quello che ognuno di loro sapeva fare meglio dal mio punto di vista.

D: In che modo lavorate insieme?

Fanno quello che dico io e basta, sono i miei burattini! Almeno così vorrei che fosse!!! In realtà, delle volte capita che cerchino di allargarsi, ma non lo fanno per mancanza di rispetto, il nostro rapporto è di fiducia reciproca, è solo per colpa della loro natura esibizionista!

D: Aneddoti interessanti avvenuti sul set al momento della lavorazione?

Il solito Eddy Mondo! Il protagonista di “FLESH DOLL OPERETTA”: prima che raggiunga un orgasmo passano delle ore. A lui non gli basta una normale preparazione prima di andare in scena, ha bisogno di molto di più. Per la scena della tazzina, ci sono volute almeno tre ore di pippe, bocchini e lussurie varie con la protagonista prima di un attesissimo “...Sto venendo!”. Puoi immaginare la tensione… doveva centrare la tazzina al primo colpo… altrimenti avrei dovuto rigirare la scena il giorno successivo. Questo per il semplice fatto che se per il primo orgasmo di media ci mette dalle tre alle cinque ore, per il secondo avrei fatto l’alba!

D: Com’è nata la collaborazione con gli APERTO PER LUTTO?

“FLESH DOLL OPERETTA” è stato girato in due settimane, a cavallo tra gennaio e febbraio 2001, quindi premontato selvaggiamente, mettendoci delle musiche temporanee prese per l’occasione da alcuni dei miei dischi preferiti, per essere proiettato, nel maggio successivo, in un merdoso locale bolognese chiamato link. Dopo di questa prima, l’ultimazione del film è rimasta bloccata perché non riuscivo a trovare qualcuno che mi facesse delle musiche di mio gradimento. Devo dire in ogni caso, che alcuni musicisti mi portarono delle buone sonorità, primi tra tutti i CRIOPLASMOS, ma io avevo bisogno di qualcosa di più pesante, di un punk-industrial straziante, di un qualcosa che rafforzasse ancora di più l’alone malsano del film. Così, per due anni interi, il progetto d’ultimazione è rimasto bloccato. Come per magia, nel maggio del 2003, mi trovavo alla nona edizione dell’Happening Internazionale Underground di Milano, per promuovere il primo numero di Blundering Pop, quando mi si presenta davanti un tizio barcollante, il quale sembrava un nomade post-atomico finito per sbaglio nel paese dei balocchi. Aveva gli occhi completamente a ‘fanculo, e nella sua faccia da rockettaro ci stava chiara e tonda la firma del sesso, della droga e, ovviamente, del rock’n’roll. Insomma, si ferma davanti al mio banchetto, mette a fuoco la rivista e poi il suo prezzo, alza il capo, per guardarmi senza vedermi, mi presenta tre dita, io rispondo di sì, lui butta tre euro sul tavolo, prende il prodotto, ringrazia e sparisce. La sera dopo torna da lucido (?) facendomi i complimenti per il fumetto, valutandomi come persona sana quanto lui. Questo nel mentre che dalla sua borsa estraeva dei supporti fonografici di propria produzione per farmene dono. Per fortuna non avevo ancora perso le speranze di trovare la giusta colonna sonora del mio film, e sottobanco custodivo un vhs del premontato, così ricambiai il suo regalo, e ci aggiunsi naturalmente pure qualche copia del fumetto.
Quando tornai a Bologna, mi misi subito ad ascoltare questi APERTO PER LUTTO e fu amore a primo udito. Presi contatto immediato con El Topo e la sua band chiedendo il permesso di utilizzare le loro musiche, estremamente convinto di un’unione perfetta. Fortunatamente anche a loro il film piacque e mi risposero di sì. Dopo qualche mese, io e il Turi Boop montatore, ci ritagliammo due settimane per sincronizzare il tutto alla radice, modificammo leggermente il montaggio e sistemammo, anche grazie alla musica, le sequenze più fragili. Una spuntata doverosa e finalmente il “FLESH DOLL OPERETTA” che avevo in mente prese vita.

D: La tua produzione ha modo di circolare? Come viene accolta?

Almeno dove fisicamente sono stato presente, l’accoglienza del pubblico è sempre stata buona. Una volta è pure scoppiata una rissa violenta tra gli spettatori e i gestori del locale che ci ospitava. Io, ovviamente, mi schierai con il popolo, e quindi in finale cacciarono fuori anche a me.
In questi ultimi tempi FLESH DOLL OPERETTA sta circolando discretamente in alcuni centri sociali della penisola e in vari squat svizzeri e spagnoli, senza che io sia interpellato. Questo grazie a www.fleshdolloperetta.com, il sito che mi ha regalato un amico webmaster, dov’è possibile scaricarsi gratuitamente il film in divx. Per il resto mi sono un po’ stufato di proporlo sia ai festival cinematografici che ai semplici circoli culturali, perché in linea di massima tutti mi rispondono con un “no” secco. Evidentemente ai gestori di questi circuiti legati alle istituzioni, il mio film non piace.

D: Prima ci preannunciavi un prossimo progetto, dacci maggiori ragguagli in proposito.

Visto che non ho ancora racimolato l’intero budget previsto, preferisco non sbilanciarmi, perché se non trovo i soldi che necessito va a finire che giro un altro film. Allora, facendo finta che tutto vada per il verso giusto, nella prossima primavera inizierò a girare un lungometraggio violento di lotta libera, una sorta di “remake” de “L’ULTIMO GIORNO DI MACHO-MASK”, un mio vecchio corto del 1999. Sarà una critica sociale del pensiero che domina il pianeta terra, decodificandolo narrativamente come porno-splatter. Ahimè, per adesso, così come per il mio fumetto, anche nei film non riesco ad esprimermi in maniera differente. Il sessismo non mi va giù, questo mondo va a rotoli perché governato dal cazzo, dalla democrazia del cazzo e dalle televisioni che racchiudono un universo di teste di cazzo. In programma abbiamo pure un video-clip degli APERTO PER LUTTO, che personalmente vorrei realizzare come un corto musicato, poi anche qui si vedrà come fare perché non abbiamo avuto ancora l’occasione di metterci d’accordo.

[Andrea Grieco]



Scheda del film:

FLESH DOLL OPERETTA
scritto e diretto da: SS-Sunda
starring: Eddy Mondo, Loa P., Alex Zan, Sir William Tattoo, Guido Daniele Panza, Turi Boop, Verla Ridens, Kuky La roche, Hedda Polonia, Mimmo Pennabianca, Debir Cipolletti, Mastro Camacho
montaggio: Turi Boop
musica: Aperto Per Lutto
prodotto da: SS-Sunda e Turi Boop

 
  Fototeca
Crack! 2006 - Fumetti Dirompenti / Vinavyl - Omaggio a Stefano Tamburini - Forte Prenestino, Roma, 08-11/06/2006
Crack! 2006 - Fumetti Dirompenti / Vinavyl - Omaggio a Stefano Tamburini - Forte Prenestino, Roma, 08-11/06/2006


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 63
Commenti: 178

  Cronologia della Lama
Sunday 22 September 2019


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.073 Secondi